International Expertise Center ChildAbduction.COM (IECC)©
We can get your child back!
Contact us now

Grecia – Venema-caso

Rimpatrio di due minori dalla Grecia nei Paesi Bassi.

Al lettore,

Il fatto di scrivere è per me emozionante, ma proverò in poche righe.

Dopo essere stata sposata per dieci anni con un uomo di origine greca, e aver vissuto in Grecia (e aver avuto là due figli), ho deciso di tornare in Olanda con i miei due figli, con l’espresso consenso del mio ex marito, a causa di problemi soprattutto finanziari, per una vita e un futuro migliori.

Io e il mio ex marito avevamo allora entrambi l’autorità parentale, perché allora non c’era nessun motivo da parte mia per richiedere la piena autorità. Infatti eravamo ancora in buoni rapporti.

Il mio ex marito venne in Olanda per vedere i bambini, poi i bambini hanno passato le vacanze estive in Grecia. Tuttavia, la vacanza estiva successiva, quando i bambini di 5 e 9 anni sono andati in Grecia per la seconda volta, non sono stati riportati indietro dal padre.

Dopo una feroce battaglia nei tribunali olandesi e greci, e nonostante l’aiuto benintenzionato dei ministeri olandesi e greci, mi sono trovata in una situazione di stallo. I miei bambini non parlavano quasi più olandese, cominciarono ad aver sempre più paura di dire la loro a causa del temporeggiare della famiglia del mio ex marito. Era sempre più difficile per me riaverli per vie normali.

Ogni volta le udienze venivano rinviate di qualche mese e io mi scoraggiavo sempre più a dover attendere oltre. I miei figli nel frattempo venivano talmente plagiati che mi rivolsi perfino alla protezione dei minori in Grecia. Ma anche loro non hanno potuto fare niente per me. I miei bambini avevano chiaramente espresso la loro volontà di voler tornare in Olanda davanti alla protezione dei minori, ma la famiglia ricordava loro come l’Olanda fosse un cattivo paese eccetera. E così si andava avanti. Anche davanti alla corte greca i miei figli non osavano dire quello che pensavano, per paura di ripercussioni da parte della famiglia.

Allora mi misi in contatto col programma TV “Vermist”. Andavo regolarmente perfino a manifestare a L’Aja, davanti agli edifici governativi insieme ad altri genitori, contro la sottrazione internazionale di minori. Là sono entrata in contatto con il fondatore di questa organizzazione. Così ho sentito quello che egli poteva significare per me. C’era ancora speranza. Lui, mi ha dato speranza. Dopo essere stata parecchie volte in contatto con lui, decisi di farmi aiutare. Mi fidavo di lui, non da ultimo perché anche i suoi figli vennero rapiti, ed egli era riuscito a riportarli a casa.

Il CEIS allora mi ha aiutato a recuperare i miei bambini. Finalmente dopo due anni di tragedia e attesa ho potuto, grazie a questa organizzazione, riportare i miei bambini in Olanda. I miei bambini hanno trovato il fondatore una persona straordinaria, che è stata buona e gentile con loro. Abbiamo recuperato insieme i bambini in modo molto tranquillo. Senza di lui questo probabilmente non sarebbe mai successo e avrei dovuto aspettare ancora degli anni prima che i bambini avessero raggiunto l’età per poter esprimere la loro volontà, senza pressioni esterne.

Ora siamo fortunatamente in Olanda e i miei bambini stanno bene. E ora vanno nuovamente in Grecia per le vacanze. Dopo tante discussioni con il mio ex marito. Inoltre ho ottenuto nel frattempo la piena autorità. Mio marito è molto rammaricato ed è fortunatamente consapevole che questo non sarebbe mai dovuto succedere, ma purtroppo è accaduto, e lascerà sempre una ferita aperta. Fortunatamente i miei figli hanno ormai raggiunto un’età per cui non ho più nulla da temere.

Sono sempre stata favorevole al fatto che i bambini continuino a vedere entrambi i genitori. Ma sono passati alcuni anni prima che li lasciassi andare di nuovo in Grecia.

Per fortuna posso respirare di nuovo. Grazie al CEIS.

Our offices are located in the European Union and United States of America

Mobiel

IMPORTANT !

We strongly discourage taking matters into your own hands. 
The measures could be illegal and may delay your child’s return. 
Attempts to re-abduct your child(ren) violently from any country may:

  • Endanger you, your child(ren) and others;
  • Prejudice any future judicial efforts you might wish to make in the abducted-to-state;
  • Even result in the arrest and imprisonment for many years!, of you, and that of your accomplices.

Finally, there is no guarantee that the chain of violent abductions would end with the one committed by you. 
A parent who has violently re-abducted a child may have to go to extraordinary lengths to conceal his or her whereabouts, living in permanent fear that the child may be violently re-abducted yet again.
If you are contemplating such desperate measures, we advise you to consider the emotional trauma inflicted on a child who is a victim of a violent abduction and a violent re-abduction.
We discourage violent re-abductions not only because it is illegal, but also because of possible psychological harm to the child.

We don’t use illegal methods; we intervene in another way.
Our method of work is strategically un-orthodox, but obviously legal and safe with the assistance of our strong global network.
Your case, needs to be continuously coached, monitored and pushed forward by our organization.